29 Maggio 2024

L’Europa sfata le fake news a Focus Live

Focus Live chiama e l’Europa risponde: in questo caso, risponde sul serio, perché sul palco del nostro Festival la Rappresentanza della Commissione Europea per il Nord Italia, nella persona di Claudia Colla, si è messa in gioco per sfatare le fake news su strategie economiche e politiche dell’Ue.
E così, per una volta, è dalla speaker che sono arrivate le domande e al pubblico sono spettate le risposte per alzata di paletta. Un quizzone che ci ha permesso di capire meglio, per esempio,  che stare nell’Unione europea non ci costa troppo e che uscendo non saremmo più competitivi. Anzi. Il mercato unico europeo assicura che beni, servizi, persone e denaro si muovano liberamente in tutta l’UE. Grazie ad esso, le imprese hanno più opportunità di crescita e i consumatori godono di diversi vantaggi. . Focus Live chiama e l’Europa risponde: in questo caso risponde davvero, perché sul palco del nostro Festival sale la Rappresentanza della Commissione Europea per il Nord Italia, nella persona di Claudia Colla, che si è messa in gioco per sfatare le fake news su strategie economiche e politiche dell’Ue.
L’europa conviene. E così, per una volta, dalla speaker sul palco sono arrivate le domande e al pubblico in platea è spettato il compito di dare le risposte per alzata di… paletta. Un quizzone che ci ha permesso di capire meglio, per esempio, che stare nell’Unione europea non costa troppo a noi italiani e che non è vero che uscendone saremmo più competitivi. Anzi. Il mercato unico europeo assicura che beni, servizi, persone e denaro si muovano liberamente in tutta l’UE. Grazie a esso, le imprese hanno più opportunità di crescita e i consumatori godono di diversi vantaggi.. Le 4 libertà fondamentali alla base del mercato interno, infatti, sono proprio la libera prestazione di servizi e la libera circolazione di merci, capitali e persone: così si scopre che lo spazio Schengen, avviato nel 1985, rappresenta la più vasta zona di libera circolazione al mondo. Ad oggi conta 27 paesi, oltre 4 milioni di chilometri quadrati e una popolazione di quasi 420 milioni di persone che producono un terzo del Pil (prodotto interno lordo) mondiale. Mica poco!
L’unione. «L’unione fa la forza ed è particolarmente utile», ha sottolineato Claudia Colla, «in un momento difficile come quello che stiamo vivendo con due guerre alle nostre porte: le prossime elezioni europee della primavera del 2024 (è falso infatti che siano nel 2025…) sono davvero importanti per tutti noi per garantire e sostenere quella visione dell’Europa basata sulla libertà, sulla conoscenza e sul rispetto dell’ambiente con al centro sempre le persone»..

 Sul palco di Focus Live per una volta è la speaker (rappresentante della Commissione Europea) a fare domande e il pubblico a rispondere! Focus Live chiama e l’Europa risponde: in questo caso, risponde sul serio, perché sul palco del nostro Festival la Rappresentanza della Commissione Europea per il Nord Italia, nella persona di Claudia Colla, si è messa in gioco per sfatare le fake news su strategie economiche e politiche dell’Ue.
E così, per una volta, è dalla speaker che sono arrivate le domande e al pubblico sono spettate le risposte per alzata di paletta. Un quizzone che ci ha permesso di capire meglio, per esempio,  che stare nell’Unione europea non ci costa troppo e che uscendo non saremmo più competitivi. Anzi. Il mercato unico europeo assicura che beni, servizi, persone e denaro si muovano liberamente in tutta l’UE. Grazie ad esso, le imprese hanno più opportunità di crescita e i consumatori godono di diversi vantaggi. . Focus Live chiama e l’Europa risponde: in questo caso risponde davvero, perché sul palco del nostro Festival sale la Rappresentanza della Commissione Europea per il Nord Italia, nella persona di Claudia Colla, che si è messa in gioco per sfatare le fake news su strategie economiche e politiche dell’Ue.
L’europa conviene. E così, per una volta, dalla speaker sul palco sono arrivate le domande e al pubblico in platea è spettato il compito di dare le risposte per alzata di… paletta. Un quizzone che ci ha permesso di capire meglio, per esempio, che stare nell’Unione europea non costa troppo a noi italiani e che non è vero che uscendone saremmo più competitivi. Anzi. Il mercato unico europeo assicura che beni, servizi, persone e denaro si muovano liberamente in tutta l’UE. Grazie a esso, le imprese hanno più opportunità di crescita e i consumatori godono di diversi vantaggi.. Le 4 libertà fondamentali alla base del mercato interno, infatti, sono proprio la libera prestazione di servizi e la libera circolazione di merci, capitali e persone: così si scopre che lo spazio Schengen, avviato nel 1985, rappresenta la più vasta zona di libera circolazione al mondo. Ad oggi conta 27 paesi, oltre 4 milioni di chilometri quadrati e una popolazione di quasi 420 milioni di persone che producono un terzo del Pil (prodotto interno lordo) mondiale. Mica poco!
L’unione. «L’unione fa la forza ed è particolarmente utile», ha sottolineato Claudia Colla, «in un momento difficile come quello che stiamo vivendo con due guerre alle nostre porte: le prossime elezioni europee della primavera del 2024 (è falso infatti che siano nel 2025…) sono davvero importanti per tutti noi per garantire e sostenere quella visione dell’Europa basata sulla libertà, sulla conoscenza e sul rispetto dell’ambiente con al centro sempre le persone»..