26 Febbraio 2024

Il materasso smart per un vero sonno rigeneratore

Il sonno funziona come una sinfonia in più atti, ognuno di questi fondamentali perché il riposo sia davvero rigenerante. Anche se non tutte le sue funzioni sono ancora chiare, gli studiosi sono certi del suo impatto sulla qualità della vita, sul ruolo centrale per il cervello, sulla sua importanza per il mantenimento in salute dell’organismo e sul fatto che sia uno dei fattori che contribuisce alla longevità.Nella fase del sonno profondo, per esempio, il corpo ripara muscoli e ossa, lavora per rafforzare il sistema immunitario e per ripristinare le energie, anche attraverso il rilascio di ormoni. La fase REM, poi, è quella utile alla rielaborazione emotiva e alla sintesi dei ricordi. È proprio in questo momento, ricorsivo durante il sonno, che il cervello rafforza le connessioni neurali attivate dalle esperienze accumulate e vissute durante il giorno.Tutte queste funzioni, abilitate dal sonno, lo rendono fondamentale per la nostra sopravvivenza. Gli esseri umani, idealmente, avrebbero bisogno di riposare dalle 7 alle 9 ore, ma questo spesso non avviene.Che qualità del sonno abbiamo?Una ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità del 2020 ha registrato che quasi un italiano su tre dorme meno ore di quanto sarebbe necessario e un italiano su sette racconta di avere un sonno insoddisfacente. La soglia del sonno insoddisfacente è stabilita a una durata uguale o inferiore alle 6 ore, mentre un tempo ideale sarebbe 7 ore*.A contribuire a un sonno di qualità che possa definirsi ristoratore sono diversi fattori, tra cui il materasso. Addormentarsi su una superficie che sia confortevole significa evitare indolenzimenti agli arti e ai muscoli e garantirsi una temperatura ideale. I dolori e l’eccessivo calore o freddo sono entrambi fattori di disturbo del sonno e sono quelli che causano dei microrisvegli che ne minano la qualità.Ma perché il materasso è così importante?Il materasso fornisce un supporto ergonomico, sostenendo la colonna vertebrale ed evitando la pressione nei punti sbagliati. Aiuta a regolare la temperatura corporea, grazie ai tessuti e agli strati di cui è composto. Può contribuire al controllo delle allergie, grazie ai materiali ipoallergenici in cui è realizzato. Inoltre, nel caso in cui si condivida il materasso, crea un isolamento tra le parti per evitare che le vibrazioni su una parte della superficie si diffondano anche in altre zone, causando interruzioni del sonno a volte brusche.Insomma, il materasso è il microambiente su cui lavorare con attenzione perché il sonno sia davvero rigenerante.zenO, il materasso intelligente. Realizzare il materasso ideale per tutti, in grado di rispondere a tutte le esigenze, anche quelle legato all’acquisto online, sempre più presente tra le abitudini di chi compra. Questo è stato l’obiettivo del progetto zenO per molti anni, ma è con lo l’arrivo di materiali memory innovativi e con la sperimentazione di fibre naturali per la termoregolazione che è stato possibile raggiungere il traguardo.5 anni fa l’uscita del primo prototipo, da allora una storia di successo, sia nei test indipendenti che nelle vendite, e un continuo percorso di miglioramento.zenO è progettato per adattarsi in maniera duttile e versatile a tutte le corporature, facendo in modo che la spina dorsale sia sempre adeguatamente supportata e che bacino e spalle siano sempre allineate in modo da garantire il riposo ideale in tutte le posizioni.Con zenO non si parla di “troppo rigido” o “troppo morbido”, “troppo caldo” o “troppo freddo”, la struttura e i materiali sono progettati per adattarsi al peso e alla forma della persona e alla temperatura.Tradizionalmente il materasso si acquistava andando in negozio, impiegando infinite ore nelle varie prove: la promessa di zenO è comprare comodamente online la miglior esperienza di sonno possibile, con 100 notti di prova e diritto di recesso.Un materasso a prova di innovazione tecnologica Nell’area di ricerca di zenO si continua a testare evoluzioni tecnologiche per non perdersi alcun dettaglio, gli esperti utilizzano sensori di superficie e sleep tracker, dispositivi o app sempre più utilizzati dalle persone per monitorare e registrare i vari aspetti del sonno.L’obiettivo dell’utilizzo di questi dispositivi è di registrare i dati del sonno dei soggetti testati per individuare gli aspetti del materasso che hanno un impatto sulla durata del sonno e sulla sua qualità.Insomma, contrariamente all’antico proverbio, verrebbe da dire chi “non dorme non prende pesci”, e fa veramente piacere questo nuovo trend di scienza e tecnologia che vede sempre più al centro la qualità del riposoScopri di più sul materasso zenO.*fonte: https://www.iss.it/news/-/asset_publisher/gJ3hFqMQsykM/content/come-dormono-gli-italiani-uno-su-sette-dorme-male-e-tre-su-10-dormono-poco  .

 Ergonomico, traspirante e ipoallergenico. Perché il materasso zenO può aiutare a migliorare la qualità del sonno di tutti Il sonno funziona come una sinfonia in più atti, ognuno di questi fondamentali perché il riposo sia davvero rigenerante. Anche se non tutte le sue funzioni sono ancora chiare, gli studiosi sono certi del suo impatto sulla qualità della vita, sul ruolo centrale per il cervello, sulla sua importanza per il mantenimento in salute dell’organismo e sul fatto che sia uno dei fattori che contribuisce alla longevità.Nella fase del sonno profondo, per esempio, il corpo ripara muscoli e ossa, lavora per rafforzare il sistema immunitario e per ripristinare le energie, anche attraverso il rilascio di ormoni. La fase REM, poi, è quella utile alla rielaborazione emotiva e alla sintesi dei ricordi. È proprio in questo momento, ricorsivo durante il sonno, che il cervello rafforza le connessioni neurali attivate dalle esperienze accumulate e vissute durante il giorno.Tutte queste funzioni, abilitate dal sonno, lo rendono fondamentale per la nostra sopravvivenza. Gli esseri umani, idealmente, avrebbero bisogno di riposare dalle 7 alle 9 ore, ma questo spesso non avviene.Che qualità del sonno abbiamo?Una ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità del 2020 ha registrato che quasi un italiano su tre dorme meno ore di quanto sarebbe necessario e un italiano su sette racconta di avere un sonno insoddisfacente. La soglia del sonno insoddisfacente è stabilita a una durata uguale o inferiore alle 6 ore, mentre un tempo ideale sarebbe 7 ore*.A contribuire a un sonno di qualità che possa definirsi ristoratore sono diversi fattori, tra cui il materasso. Addormentarsi su una superficie che sia confortevole significa evitare indolenzimenti agli arti e ai muscoli e garantirsi una temperatura ideale. I dolori e l’eccessivo calore o freddo sono entrambi fattori di disturbo del sonno e sono quelli che causano dei microrisvegli che ne minano la qualità.Ma perché il materasso è così importante?Il materasso fornisce un supporto ergonomico, sostenendo la colonna vertebrale ed evitando la pressione nei punti sbagliati. Aiuta a regolare la temperatura corporea, grazie ai tessuti e agli strati di cui è composto. Può contribuire al controllo delle allergie, grazie ai materiali ipoallergenici in cui è realizzato. Inoltre, nel caso in cui si condivida il materasso, crea un isolamento tra le parti per evitare che le vibrazioni su una parte della superficie si diffondano anche in altre zone, causando interruzioni del sonno a volte brusche.Insomma, il materasso è il microambiente su cui lavorare con attenzione perché il sonno sia davvero rigenerante.zenO, il materasso intelligente. Realizzare il materasso ideale per tutti, in grado di rispondere a tutte le esigenze, anche quelle legato all’acquisto online, sempre più presente tra le abitudini di chi compra. Questo è stato l’obiettivo del progetto zenO per molti anni, ma è con lo l’arrivo di materiali memory innovativi e con la sperimentazione di fibre naturali per la termoregolazione che è stato possibile raggiungere il traguardo.5 anni fa l’uscita del primo prototipo, da allora una storia di successo, sia nei test indipendenti che nelle vendite, e un continuo percorso di miglioramento.zenO è progettato per adattarsi in maniera duttile e versatile a tutte le corporature, facendo in modo che la spina dorsale sia sempre adeguatamente supportata e che bacino e spalle siano sempre allineate in modo da garantire il riposo ideale in tutte le posizioni.Con zenO non si parla di “troppo rigido” o “troppo morbido”, “troppo caldo” o “troppo freddo”, la struttura e i materiali sono progettati per adattarsi al peso e alla forma della persona e alla temperatura.Tradizionalmente il materasso si acquistava andando in negozio, impiegando infinite ore nelle varie prove: la promessa di zenO è comprare comodamente online la miglior esperienza di sonno possibile, con 100 notti di prova e diritto di recesso.Un materasso a prova di innovazione tecnologica Nell’area di ricerca di zenO si continua a testare evoluzioni tecnologiche per non perdersi alcun dettaglio, gli esperti utilizzano sensori di superficie e sleep tracker, dispositivi o app sempre più utilizzati dalle persone per monitorare e registrare i vari aspetti del sonno.L’obiettivo dell’utilizzo di questi dispositivi è di registrare i dati del sonno dei soggetti testati per individuare gli aspetti del materasso che hanno un impatto sulla durata del sonno e sulla sua qualità.Insomma, contrariamente all’antico proverbio, verrebbe da dire chi “non dorme non prende pesci”, e fa veramente piacere questo nuovo trend di scienza e tecnologia che vede sempre più al centro la qualità del riposoScopri di più sul materasso zenO.*fonte: https://www.iss.it/news/-/asset_publisher/gJ3hFqMQsykM/content/come-dormono-gli-italiani-uno-su-sette-dorme-male-e-tre-su-10-dormono-poco  .