23 Luglio 2024

“Blocco automatico” sugli smartphone: la novità inattesa che cambia tutto

“Blocco automatico” sugli smartphone: la novità inattesa che cambia tutto

  

E se ci fosse la possibilità di proteggere il tuo device senza che tu debba fare nulla o quasi? Per Samsung si può fare. Ecco come

Per quello che riguarda Samsung la risposta è già arrivata e ha un nome preciso: si chiama Blocco Automatico e si è guadagnato un posto nel blog ufficiale del gigante della tecnologia in cui vengono snocciolate tutte le caratteristiche di un sistema che aiuta Samsung a “unire l’impegno per la sicurezza e la privacy con l’impegno di lunga data di Samsung Galaxy verso l’apertura e la possibilità di dare agli utenti una scelta“.

Samsung aumenta la sicurezza dei suoi device, ma è una opzione – computer-idea.it

Si tratta quindi in buona sostanza di un tool per la sicurezza ma non in modo invasivo. Quello che il gigante coreano del tech promette è infatti una opzione per proteggere i device degli utenti e adattarsi a quelle che sono le abitudini di ciascuno. Ma in che cosa consiste il Blocco Automatico immaginato da Samsung? E soprattutto, volendo, come si toglie?

Cos’è Blocco Automatico e dove lo trovi

Blocco Automatico è una delle nuove funzioni di sicurezza che si trovano all’interno del sistema operativo One UI 6, l’ultima release di Samsung Galaxy. Quello che salta immediatamente agli occhi è che nel post sul blog ufficiale Samsung viene ripetuto a più riprese che questa nuova funzione, opzionale e spenta di default, non vuole in alcun modo andare a interferire con la libertà degli utenti ma che si tratta di un nuovo strumento che fa parte dell’arsenale “delle innovazioni di sicurezza e privacy” che il colosso coreano sta costruendo per i propri utenti. La funzione principale è quella di prevenire il cosiddetto sideloading, ovvero l’installazione di app da fonti non autorizzate.

Blocco Automatico, la sicurezza vista da Samsung (foto Samsung) – computer-idea.it

Per l’utente medio probabilmente non cambia nulla e anzi sarebbe meglio attivare immediatamente il Blocco Automatico nel momento in cui il sistema operativo si aggiorna. Ma, e lo sottolinea sempre il post, il sideloading per altri utenti può essere utilissimo, soprattutto per quegli utenti che cercano “una personalizzazione aumentata e un controllo maggiore sulle funzionalità del device“.

Esistono tutta una serie di app che non passano per gli store ufficiali ma che sono comunque sicurissime e che semplicemente hanno team di sviluppo che hanno deciso di non sottostare alle regole dei vari store. Se sei tra quelli cui serve il sideloading giosci: la funzione non si attiva da sola.

Oltre al Blocco Automatico, che non funziona solo se il software viene scaricato da internet ma anche in caso di cavetto USB, un altro sistema di sicurezza che arriva con l’aggiornamento é anche una nuova versione delle funzioni di protezione dai messaggi molesti (rilasciata lo scorso mese di febbraio e quindi ora sottoposta ad aggiornamento) e dai cosiddetti attacchi zero click che possono arrivare con gli sms o con altri tipi di messaggi, per esempio quelli attraverso i social, una minaccia che non va sottovalutata. L’aggiornamento è disponibile per tutti i device su cui è possibile avere One UI 6.

L’articolo “Blocco automatico” sugli smartphone: la novità inattesa che cambia tutto sembra essere il primo su Computer Idea.